Questa è la manifestazione d'interesse che ti inoltrerò con una email.

La manifestazione d’interesse ti sarà inviata con una mail. Dovrai cliccare sul link.

La potrai vedere e firmare da computer, tablet e smartphone.

Clicca qui per compilare il modulo online Sei proprietario di una villetta

Spettabile

Indirizzo: , Email: , Codice Fiscale

 

Oggetto: Richiesta per redigere la proposta per la sottoscrizione di un futuro contratto d’appalto Vi manifesto il mio interesse come Committente a ricevere la proposta per la sottoscrizione di un futuro contratto d’appalto per poter affidare all’Appaltatore la realizzazione di uno studio di fattibilità preliminare relativo all’Intervento avente ad oggetto lo svolgimento ed espletamento delle seguenti attività:

  1. Effettuazione di un sopralluogo preliminare in situ per avere un rilievo visivo dello stato dell’arte dell’intero corpo di fabbrica e contestualmente anche degli impianti termici e meccanici presenti.
  2. Predisposizione e redazione di una diagnosi energetica preliminare dalla quale poter evincere lo stato energetico attuale dell’immobile, condizione minima necessaria propedeutica al resto delle analisi tecniche.
  3. Elaborazione di una relazione descrittiva delle opere di efficientamento energetico relative all’Intervento da eseguirsi con l’obbiettivo minimo di raggiungere il miglioramento di almeno 2 classi energetiche dell’immobile in caso di SUPERBONUS.
  4. Redazione di un elenco delle lavorazioni previste e ammissibili, elaborate con l’utilizzo dei prezziari/listini individuati e stabiliti dal Decreto Rilancio DL 34/2020 con le relative detrazioni applicabili.

Nella proposta per redigere il contratto d’appalto ci sarà scritto che per le attività espletate il compenso dell’Appaltatore varierà in ragione degli esiti restituiti dallo studio di fattibilità.

  1. Nel caso in cui lo studio di fattibilità restituisca un esito negativo, ovvero certifichi l’impossibilità di realizzare l’Intervento mediante accesso al SUPERBONUS, i costi dello studio rimarranno a carico dell’Appaltatore e nessun compenso sarà quindi dovuto dal Committente.
  2. Nel caso in cui lo studio di fattibilità restituisca un esito positivo, ovvero certifichi la possibilità di realizzare l’Intervento mediante accesso al SUPERBONUS, ma non si addivenisse alla firma del successivo contratto di appalto per cause imputabili al Committente, i costi dello studio saranno a carico dello stesso. A tal proposito, per lo studio di fattibilità oggetto del presente Contratto, il costo, consensualmente convenuto, è pari ad € 500,00 iva esclusa.

Sulla base delle risultanze dello studio di fattibilità l’Appaltatore si impegna a fornire al Committente l’indicazione dell’importo dei lavori e la relativa IVA di legge e, per ciascun intervento proposto, della corrispondente percentuale di detrazione spettante.

Alle somme così definite, si aggiungerà il pagamento degli onorari professionali nei confronti di tecnici abilitati a redigere le necessarie asseverazioni di legge in ottemperanza al Decreto Rilancio D.L. 34/2020 e successivi decreti attuativi e Linee Guida emanate da parte della Agenzia delle Entrate che saranno a loro volta ricompresi nell’ammontare della detrazione oggetto di cessione del credito.

A fronte delle prestazioni che saranno rese dall’Appaltatore al Committente in conseguenza della futura stipula del futuro Contratto Definitivo d’Appalto, l’importo massimo il corrispettivo dovuto dal Committente, sarà pari a 0 (zero) dell’importo massimo di spesa concesso alla singola unita’ immobiliare o al tipo di intervento che genera un credito cedibile (si precisa che per tale agevolazione prevista dal Decreto Rilancio – D.L. 34/2020, e Linee Guida che emanate da parte della Agenzia delle Entrate).

I costi posti a carico del Committente:

a) le imposte di bollo e di registro eventualmente dovute in relazione alla stipulazione del futuro Contratto Definitivo d’Appalto, in quanto non diversamente disposto da norme inderogabili di legge;

b) ogni altra tassa, imposta o diritto, contributo, onere e/o importo, (anche per eventuali sanzioni) a qualsiasi titolo dovuto a Terzi, nessuno escluso, incluse esemplificativamente le Pubbliche Amministrazioni, consequenziali, connesse o dipendenti dal contratto e/o sopravvenienti;

c) la fornitura di acqua, energia elettrica (inclusa F.M.) per le esigenze inerenti i lavori in oggetto; qualora tali allacciamenti non fossero possibili, il Committente darà pronta comunicazione per iscritto all’Appaltatore e quest’ultimo, a propria cura, potrà provvedere agli stessi e gli oneri derivanti saranno a carico del Committente dietro presentazione di adeguata documentazione;

d) Eventuali diritti, oneri e canoni, permessi ed autorizzazioni connessi all’occupazione e rottura di suolo pubblico o di area condominiale o di terzi privati, necessarie alla formazione del cantiere e/o all’esecuzione delle impalcature e/o per passo; e) il pagamento di ogni attività o servizio non espressamente compreso nel presente contratto ancorché necessario, utile o opportuno per la realizzazione dei lavori;

f) il coordinamento delle attività svolte dai Terzi che non dovranno creare pregiudizio od ostacolo alle attività dell’Appaltatore né occasione di pericolo o di danno per i dipendenti di questi.

Gli onorari del Direttore Lavori e del Responsabile per la Sicurezza sono a carico della ESCo. Con il termine “Direzione Lavori” si intende, molto banalmente, l’attività del Direttore dei Lavori. Questa è una figura professionale prevista dall’ordinamento italiano. La sua presenza, anzi la sua nomina, è obbligatoria. Il Direttore Lavori monitora l’andamento del cantiere e controlla che i lavori vengano eseguiti nel rispetto del progetto e delle normative vigenti. I suoi compiti, comunque, sono articolati e si sviluppano lungo una doppia direttrice: verso il committente, che di fatto lo nomina e verso lo Stato.

Di seguito, una lista esaustiva dei doveri che il Direttore dei Lavori ha verso il committente.

  1. Redazione del verbale di apertura del cantiere.
  2. Redazione periodica di verbali che attestino, anche con supporto fotografico, l’andamento del cantiere.
  3. Segnalazione di eventuali correzioni in corso d’opera.
  4. Rilascio di un certificato di corretta esecuzione (a fine lavori).
  5. Redazione dell’autocertificazione di agibilità.

Il Piano sicurezza del cantiere è un documento che deve essere redatto obbligatoriamente da ogni datore di lavoro che si trova a capo delle imprese esecutrici che operano all’interno di un cantiere.

Sottoscrivendo la presente manifestazione d’interesse dichiaro che l’immobile oggetto della presente manifestazione d’interesse non ha abusi edilizi .

Luogo , in data